Come arredare una cucina vintage

Ad ogni periodo storico corrispondono colori, materiali, forme e idee di arredo da cui prendere spunto per dare vita alla tua cucina vintage. Stili e soluzioni originali senza tempo che continuano a ispirare e affascinare architetti e interior designer di tutto il mondo. In questo articolo troverai alcuni pratici suggerimenti per arredare la tua cucina vintage e scoprirai quali sono le soluzioni più ricercate.

Quali colori per la tua cucina vintage?

Generalmente quando decidiamo di progettare una cucina vintage la scelta della palette dei colori è il primo passo da compiere. I colori delle pareti, delle superfici, dell’arredo e degli elettrodomestici hanno un impatto significativo sull’aspetto complessivo dell’ambiente. Prima di scegliere, però, è molto importante fare un’attenta valutazione di quanta luce naturale riceve la tua cucina e delle dimensioni che hai a disposizione. Ricorda sempre che colori chiari e luminosi possono amplificare la percezione dello spazio anche delle cucine più piccole.

I colori per una cucina vintage possono variare a seconda del periodo storico a cui si fa riferimento, ma ci sono alcune tonalità che tendono a essere maggiormente utilizzate dai progettisti e interior designer, quali: il bianco crema (dall’aspetto classico, pulito e luminoso), il verde menta (tonalità fresca e delicata che richiama lo stile anni ‘50 e ‘60) e il grigio perla (colore neutro molto elegante e raffinato). Esistono, poi, tonalità più morbide che donano un aspetto più delicato alla tua cucina, come: il rosa cipria, il celeste e il giallo pallido. Per quanto riguarda, infine, gli accessori, gli sgabelli e gli elettrodomestici è possibile aggiungere un tocco di maggiore vivacità optando per colori più accesi come il rosso ciliegia, il turchese o il giallo senape.

A proposito d’illuminazione

La scelta dell’illuminazione per arredare la tua cucina vintage dovrà essere coerente con il resto dell’arredamento e il tema scelto. Posiziona, quindi, strategicamente lampade sospese o lampadari in vetro colorato sopra l’isola o il tavolo da pranzo per creare un punto focale: una calda illuminazione metterà in risalto i dettagli del tuo arredo creando nello stesso tempo un’atmosfera accogliente. Sulle pareti, invece, posizione le applique in stile vintage con dettagli in metallo smaltato. L’effetto generato sarà sensazionale.

La scelta dell’arredo

Per donare personalità e coerenza all’arredo scegli credenze, tavoli, sedie e pensili con curve dolci, materiali autentici, piedi sagomati e dettagli decorativi dell’epoca e assicurati che i mobili siano abbinati perfettamente con gli altri elementi della cucina come le pareti, le superfici, gli accessori e gli elettrodomestici. Come abbiamo già visto in precedenza, i colori e le finiture giocano un ruolo importantissimo per la creazione della giusta atmosfera. Per uno stile retrò degli anni ‘50-‘60, sarà opportuno optare per mobili color pastello come il verde menta o il rosa cipria. Per uno stile degli anni ‘70, è consigliabile scegliere mobili con finiture in legno scuro o vernice più opaca.

La scelta dei materiali per la tua cucina vintage

Tra i materiali più frequentemente utilizzati per l’arredamento della tua cucina troviamo il legno massello, il vetro colorato (negli armadietti e nelle vetrinette) e l’acciaio smaltato (per i lavelli e gli elettrodomestici). 

Per quanto riguarda il rivestimento delle superfici dei vari componenti d’arredo, come per esempio il tavolo, i top cucina e ripiani, ti consigliamo le esclusive soluzioni di Terrazzo e Cosmolite®, due opzioni ideali per chi vuole coniugare l’eleganza e la bellezza dello stile vintage con le eccezionali proprietà tecniche e funzionali. 

Le superfici: le nostre proposte

In questo gioco di abbinamenti e texture dal sapore vintage, la scelta del top cucina e delle pavimentazioni risulta determinante per realizzare progetti ispirati alla tradizione. La collezione Terrazzo nelle sue tre declinazioni (White, Dark e Grey), in particolare, fa riferimento alle prestigiose pavimentazioni in graniglia di marmo tipiche delle nobile dimore veneziane e si propone di applicare questa texture all’interno di originali e innovativi progetti che guardano al passato.


L’altra soluzione che ti consigliamo è Venenatis di Cosmolite®, la materia nuova sostenibile di Stone Italiana, composta interamente da minerali derivanti da riciclo pre-consumo diversi dal quarzo. Ispirata alla tradizione, questa collezione è caratterizzata dalla presenza di una venatura leggera che appare come un segno grafico e sottile che ricorda quelle dei marmi naturali. Disponibile in 6 differenti colorazioni (Black Juno, Green Arthemis, Beige Igea, Grey Cargo, Grey Titano, White Teti), Venantis offre una vasta scelta che va da nuance delicate a colorazioni più decise (dal tono morbido del bianco al nero intenso, passando attraverso il caldo del beige o l’innovativo verde), perfette per il tuo progetto vintage da realizzare.

In conclusione

Decidere di progettare una cucina vintage richiede la massima attenzione agli spazi, ai particolari, ai cromatismi e ai materiali da impiegare. Le combinazioni sono davvero tantissime. Stone Italiana offre una vasta scelta di soluzioni in grado di soddisfare le più svariate esigenze progettuali.

Se sei alla ricerca di qualche consiglio su come arredare la tua cucina vintage:

Le ultime dal Blog

Ti potrebbero interessare

Area Principale